Il gigante e i nanetti

                                                   (leggenda svizzera)                

 

arder era uno spaventoso gigante che viveva in una grande caverna nelle montagne dell'Oberland. Quando sulle cime dei monti si addensava il temporale, Harder scendeva a valle: il suolo tremava sotto i suoi piedi, le rocce crollavano, i villaggi venivano schiacciati come fossero formicai. Il gigante portava via dalle stalle i pi˙ bei capi di bestiame, e solo dopo aver seminato cosÝ la distruzione e la morte tornava nella sua caverna. Perci˛ tutti gli abitanti del paese parlavano con spavento di Harder ed erano sgomenti ogni volta che il cielo si copriva di nubi.

In quella valle abitava anche un popolo di nani, e questi erano gentili e benevoli con gli uomini. Li aiutavano nelle loro faccende, segavano l'erba dei prati, spazzavano le stalle, mungevano le mucche. Quando erano stanchi, si appollaiavano su i rami di una grande quercia e li, dopo essersi un po' dondolati per giuoco, si appisolavano, specialmente nelle ore meridiane della canicola. Ma un contadino maligno, dimentico dei grandi benefici che le povere creaturine elargivano agli uomini, volle far loro uno scherzo di cattivo genere. Seg˛ per metÓ i rami della quercia, si che quando essi, festosi, vi si inerpicarono, i rami sotto il loro peso cedettero, e i poveri nani caddero al suolo facendosi male. Il contadino aveva convocato alcuni giovinastri suoi amici a vedere quella bella prodezza, nascosti dietro un cespuglio; e quando i nani caddero, gli sciagurati scoppiarono in una rumorosa risata, che dispiacque ai nani anche pi˙ dello scherzo feroce. Essi si rialzarono tutti ammaccati e pianşgenti e, lamentandosi a ragione dell'ingratitudine umana, decisero di lasciare per sempre la valle. Corsero dunque nelle loro tanine, fecero un fagotto di tutto ci˛ che possedevano e tutti insieme s'incamminarono, tristamente, prendendo la via dei monti.

Gli ometti procedevano in lunga fila pel sentiero ripido che attraversava i boschi di pini, quando a un tratto il nano che guidava la schiera si ferm˛ bruscamente, facendo agli altri, col dito sulle labbra, cenno di tacere. Subito tutti si fermarono e ogni brusio tacque. Si udÝ allora distintamente il respiro grosso di un uomo che dormiva. Avanzando cautamente, in punta di piedi, i nani videro lÓ vicino un corpaccione enorme disteso attraverso il sentiero : era il gigante Harder che russava.

I nani tennero consiglio. GiacchÚ il destino aveva messo nelle loro mani quello spaventoso gigante, non era forse il caso di ammazzarlo, liberando cosÝ il paese da quel flagello? I generosi nanetti avevano giÓ dimenticato le offese ricevute dagli uomini, e il loro istinto di bontÓ e di altruismo li spingeva adesso a regalar loro un beneficio anche maggiore dei soliti. Del resto render bene per male non Ŕ forse la vendetta migliore e pi˙ saggia?

Dai loro sacchetti estrassero ogni sorta di strumenti, zappe, pale, scuri, funi, falci, martelli. Con questi abbatterono un albero e ne fecero un'immensa sega magica. Intanto un nano aveva versato in un batuffolo di cotone il contenuto di una strana fialetta trasparente e, arrampicatosi sul corpo del gigante, gli aveva messo il batuffolo sotto il naso: il gigante era piombato cosÝ in un sonno anche pi˙ profondo, che nulla avrebbe potuto svegliare per qualche ora. Allora i nani, sollevata la gigantesca sega, la posarono sul collo di Harder: cento nani si misero a tirarla verso destra e cento altri verso sinistra, sÝ che la sega cominci˛ a sibilare, recidendo pian piano il collo del gigante. Fiotti di sangue sgorgavano dalle vene tagliate e s'incanalavano in rivoletti che altri nani avevano intanto scavato con le zapşpe. Ben presto la testa fu staccata dal busto. I nani, felici, intrecciarono ronde di festa inştorno alla testa del gigante decapitato.

- E adesso che cosa ne faremo? - domand˛ un nano.

Quello che pareva il capo di tutta la trib˙ propose di trasportare la testa del gigante davanti all'antro che gli serviva di dimora.

- CosÝ domattina i pastori non riusciranno a spiegarsi il mistero, e li metteremo in grande imbarazzo!

L'idea piacque. Sepolto l'enorme corpaccio di Harder, i nani legarono le loro funi ai capelli del gigante e trascinarono in tal modo, Eccoli dunque pronti alla grande impresa.

non senza fatica, il testone colossale presso la grotta. Altra gran fatica fu quella di issarlo nella bocca della caverna; ma anche questo finalmente fu fatto.

Al mattino dopo, tutti i pastori d'Interlaken videro la testa di Harder infissa sulla roccia e ne rimasero stupiti. Da allora la testa si Ŕ pietrificata, ma c'Ŕ ancora; e anche oggi quell'enorme masso di pietra conserva il nome di Harder.